Mondiali 2014: l’organizzazione dell’evento

Written by  on giugno 19, 2014 

Quando la FIFA ha assegnato i Mondiali 2014 al Brasile erano molti gli scettici che non credevano che il Brasile potesse farcela ad ospitare questo evento. Contrariamente ad ogni aspettativa, il Brasile ce l’ha fatta e si ritrova oggi con un Paese più moderno, efficiente e attrezzato. I lavori affrontati dal Paese per accogliere i Mondiali hanno infatti creato posti di lavoro e aiutato a valorizzare alcune zone dimenticate dell’immensa Nazione brasiliana.
Il governo ha stanziato milioni di Reaìs per il miglioramento e la costruzione delle infrastrutture necessarie ad ospitare la moltitudine di visitatori previsti da tutto il mondo.

Tra gli interventi affrontati ci sono stati:
gli stadi, ricostruiti parzialmente (come è avvenuto al mitico Maracanà) o creati ex novo (ad esempio l’Arena Amazonia a Manaus o il terzo stadio di San Paolo, creato proprio per favorire lo sviluppo della zona più periferica e svantaggiata della città).
gli aeroporti, rimessi a nuovo e collegati meglio agli stadi.
le metropolitane, costruite nei dintorni delle arene calcistiche per evitare problemi di traffico. A questo proposito ricordiamo lo stadio costruito a Brasilia, realizzato per essere completamente fruibile senza bisogno di usare la macchina.
le autostrade, per permettere ai turisti di raggiungere le città interessate direttamente dagli aeroporti.
i parcheggi, in alcuni casi con migliaia di posti auto.

Le città ospitanti le partite sono 12 e sono equamente distribuite nel vasto territorio brasiliano. Ogni città è la capitale del proprio stato.

  • Belo Horizonte: stadio Mineirao
  • Brasilia: Estadio Nacional Mané Garrincha
  • Cuiabà: Arena Pantanal
  • Curitiba: stadio Joaquim Américo Guimaraes
  • Fortaleza: stadio Castelao
  • Manaus: Arena Amazonia
  • Natal: Arena das Dunas
  • Porto Alegre: Estadio Beira-Rio
  • Sao Laurenço da Mata (Recife): Itaipava Arena Pernambuco
  • Rio de Janeiro: stadio Maracanà
  • Salvador: Itaipava Arena Fonte Nova
  • San Paolo: stadio Corinthians

Il Brasile è geograficamente la quinta nazione più vasta del mondo per estensione geografica e le 12 città che ospitano i Mondiali sono spesso così lontane da avere non solo clima e meteo diverso, ma addirittura fuso orario differente! Questo deve aver creato non pochi problemi a chi si è occupato di mettere in piedi il calendario dei Mondiali 2014, ma per fortuna ogni problema è stato risolto!
La Coppa del Mondo, come accade sempre in questi casi, non è solo un evento di rilevanza calcistica, ma anche un’occasione per il paese ospitante di avere una visibilità globale e una sorta di trasformazione sociale dovuta ai tanti investimenti attuali e futuri che contribuiranno alla modernizzazione di questa nazione.

Parliamo infine delle scommesse sul mondiale: come ogni anno il mondo degli scommettitori è in fibrillazione e non vede l’ora di piazzare la propria scommessa (sempre se non lo ha già fatto).

Category : Altri Giochi

Tags :